La favola del Leicester

Prime righe di un pezzo uscito per la rivista Valderrama

Perdere i nervi a cinquantanove anni può essere molto facile, specialmente se la televisione e i giornali ti raccontano da sempre, con metafore nemmeno troppo velate, che la Storia è finita e che non c’è più nulla da vedere, salvo forse l’ultimo iPhone e la nuova capigliatura di Neymar.

Perdere i nervi perché non c’è nessuno con cui prendersela (a parte te stesso) è quanto di più comune e umano possa toccarti. Specie quando avevi fatto la scelta giusta, guidato da chissà quale flusso ermetico, magari soltanto dal gusto di sfidare chi ti dava del matto, per poi scoprire che matto non lo eri per nulla e pentirti amaramente di non aver trovato la forza e il coraggio di andare fino in fondo, e ritrovarti sudato, quando è tutto finito, davanti al televisore, fasciato in una maglietta sintetica troppo stretta coi colori della tua squadra, e solo allora essere accecato da una rivelazione: «Sono un idiota».

Articolo completo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...